lunedì 2 settembre 2013

Cantando sotto la pioggia - di Angela Leucci, da Il Blog della Gazzella

Ecco il quarto post della collaborazione con Angela Leucci e il suo spazio, il Blog della Gazzella. Ovviamente, sul suo blog potete trovare il mio post a proposito del film Cantando sotto la pioggia, di Stanley Donen e Gene Kelly.



Cantando sotto la pioggia (Stanley Donen/Gene Kelly, USA, 1952)

Perché uno le cose belle della vita se le scorda spesso. Riguardando “Cantando sotto la pioggia” non viene in mente lo stupro di Alex DeLarge in “Arancia Meccanica” ma Mia Farrow e Woody Allen che ripassano questo film di fronte a cibo indiano e champagne in “Crimini e misfatti”.
È facile comprendere come Allen ami alla follia quest'opera che non è una mera pellicola, ma pura poesia. È poesia di colore, di armonia, di sentimenti buoni che prevalgono su quelli cattivi, contro l'ambizione immotivata e a ogni costo. Tutti dovrebbero rivederlo, tutti coloro in cui è forte il senso della giustizia e della meritocrazia, paroloni di cui tanti si riempiono la bocca senza averne consapevolezza reale.
Dietro il bel sorriso di Gene Kelly e il suo ritmo c'è ben altro. Non una semplice commedia che ti permette di riconciliarti con il mondo – e già quello sarebbe abbastanza – ma un modo per rivedersi al di là dello schermo nei propri istinti primari, il diritto all'amore, all'amicizia sincera e, nel caso di chi realizza arte, di regalare al pubblico solo cose belle.
“Cantando sotto la pioggia” è la storia di un fallimento, quello del film muto “The dueling cavalier”, che nel passaggio al film sonoro risente della voce stridula e gracchiante della protagonista femminile, Lina. Il protagonista maschile Don Lockwood (Gene Kelly), aiutato dall'amico Cosmo, decide allora di trasformare il tutto in un musical, mantenendo la protagonista ma doppiandola con la voce della bella e talentuosa Kathy Selden (Debbie Reynolds), della quale Don si è innamorato a seguito di una serie di rocamboleschi incontri. Lina però lo scopre e cerca di danneggiare Kathy, ma la verità è destinata a trionfare, anche attraverso uno scherzetto che all'epoca suonò davvero originale.
“Cantando sotto la pioggia” rientra a tutti gli effetti nei canoni del classico: pur essendo trascorso molto tempo da quando è stato girato, risulta senza tempo. Un po' come l'amore, non passa mai di moda.


Angela

Nessun commento: