sabato 24 settembre 2011

The Eagle



Anno: 2011 - Genere: Action/Storico - Nazionalità: USA - Distribuzione: Bim - Regia: Kevin Mcdonald


The Eagle è un film storico e d'azione che fa emergere qua e là spunti interessanti su temi quali guerra, onore, conquista, vinti e vincitori, rispetto per l'altro, diversità e somiglianze culturali. Il film porta il nome del simbolo romano, ma in realtà non è schierato ed evidenzia aspetti positivi e negativi sia dell'una che dell'altra parte in gioco.

È il 140 d.C. Marco Flavio Aquila (Channing Tatum) è un giovane comandante che viene destinato ad una piccola legione della Britannia. Marco è religiosissimo, onora continuamente i penati e ha un solo scopo: riabilitare la memoria di suo padre che, vent'anni prima, in una sanguinosa e misteriosa battaglia in Bitannia, era sparito con la sua legione (la nona) e aveva perso l'insegna. L'aquila e la memoria di quell'infangata legione sono rimasti così oltre il vallo di Adriano. Marco, per dimostrare l'onore della sua famiglia, difende strenuamente i suoi soldati e si distingue in battaglia per le sue gesta eroiche: ma, durante una cruenta lotta, subisce gravi ferite e viene costretto al congedo con onore. Il dolore porta il bel Marco in Caledonia, dallo zio; durante un gioco gladiatorio, in cui la vittima è un britanno, Marco rimane colpito dal coraggio del biondo nordico e decide di salvarlo: il giovane Esca (Jamie Bell, il piccolo Billy Elliot ormai cresciuto) odia i romani, ma diventa schiavo di Marco per sdebitarsi. Tuttavia il loro rapporto non si esaurisce nel binomio padrone/schiavo: quando Marco viene a sapere che una tribù situata oltre il vallo adora un'aquila d'oro, decide di partire con Esca per superare i confini dell'impero e cercare l'insegna.

Inizia un viaggio affascinante in un luogo sempre meno civilizzato, sempre meno romanizzato, immerso nella natura. Tappeti di foglie rosse, neve e nebbia, fitti boschi, pericoli costanti conducono Marco e Esca ad una universalizzazione dei valori, scevri da ogni cultura e parte. Si evidenzia piano piano il grado zero della cultura, quando questa scompare per mettere in relazione solo i singoli individui; oppure la cultura si erge, prepotente, ma solo per mostrare che i popoli hanno in comune molto più di quanto sembri. Il rapporto tra Marco ed Esca è inizialmente un rapporto tra padrone e schiavo fatto di reciproco e freddo rispetto; poi diventa di cooperazione, di scontro, amicizia, inimicizia. Insomma: la lotta tra civiltà è altro dal rapporto tra uomini i quali, conoscendosi, imparano a rispettarsi. Ogni popolo ha la sua guerra; ogni popolo, sia esso romano o britanno, si appropria di simboli altrui per puro spirito di potere (i romani rubano terre; i britanni adorano simboli rubati); ogni popolo e ogni cultura ha le sue aberrazioni: che sia il politico romano molle e senza onore o il britanno che taglia teste, ogni popolo commette errori. Gli individui sbagliano, ma, presi singolarmente, possono conoscersi meglio e avere l'opportunità di guardarsi in faccia, rispettarsi e comprendere a fondo la relatività della cultura. Il coraggio e l'onore, i valori, la giustizia, albergano non nelle culture, ma solo negli individui. In questo senso The Eagle è sempre giocato sul filo del rasoio: lo spettatore non si schiera mai, ma parteggia ora per Marco ora per Esca, proprio perché i valori sbandierati dai personaggi vengono sempre messi in relazione con la situazione del momento. La riconciliazione avviene quando, alla fine di una terribile battaglia, tutti vengono onorati, romani e britanni, indipendentemente dal vincitore.

The Eagle è un viaggio affascinante scritto in modo magistrale: ogni scena è inaspettata e la storia procede sempre per svolte improvvise e mai banali; la colonna sonora è evocativa, molto nordica, figlia di un'atmosfera appunto non civilizzata: panoramiche e musica ricordano a tratti per forme e stilemi L'ultimo dei Moicani. Le sequenze delle battaglie si susseguono veloci e caotiche, dando il preciso senso di uno scontro all'arma bianca. Da sottolineare la sequenza silenziosa, basata su primi piani a contrasto con campi lunghi, della surreale solitudine dei romani a guardia del vallo, la fine del mondo conosciuto. Delicato e avvincente il rapporto di rivalità/amicizia e per certi versi amore/odio tra Marco ed Esca, diversi per provenienza ma profondamente simili.
Un film consigliato che, al di là di tutto, sa tenere viva l'attenzione per due ore senza stancare.




Nessun commento: