domenica 14 giugno 2009

PROIEZIONI NOTTURNE - 300 (pt. 1)


Mi riservo di parlare di questo film in più post, perché c'è davvero tanto da dire.



La prima cosa che mi viene in mente, forse la più importante di 300 è l'oralità. Il film riprende e fa vivere perfettamente il concetto di racconto orale (quindi performativo) dei poemi omerici.
Il protagonista del film, paradossalmente, è Delio, il soldato spartano che viene rimandato a casa da re Leonida affinchè possa raccontare eroicamente la battaglia delle Termopili. Sin dall'inizio del film è Delio, nel presente, che racconta, al presente, la vita e le gesta eroiche di Leonida e del suo manipolo di trecento uomini. Tuttavia noi spettatori non percepiamo questo scarto temporale, proprio perchè Delio, da bravo oratore, narra usando il tempo presente. Il quale è un tempo storico, ma è anche un tempo che attualizza sempre il racconto: rende così la storia performativa, nel senso che con un racconto orale al presente, lo spettatore cinematografico ha l'impressione che il film si formi davanti ai suoi occhi grazie alle parole (Aumont chiamerebbe questo "voce fuori quadro", quella che fuori dell'inquadratura è lì a formarla, quasi avesse una funzione demiurgica). Ma non solo: 300 è un film che si vede e si ri-vede senza mai stancare e sempre con occhi nuovi, proprio perché mantiene quell'oralità e quella capacità di formare l'immagine che ha permesso per secoli di trasmettere i racconti omerici da una generazione all'altra, con piccoli spostamenti, piccoli cambiamenti, che ne hanno garantito la trasmissione storica ma anche la varietà (artistica).
Difatti, Zack Snyder, il regista, cerca di ricreare nel film (a livello visivo e linguistico) quelle "tecniche" che gli oratori greci usavano sia per ricordare a memoria un testo particolarmente lungo, sia per attrarre il pubblico.
In primo luogo, l'"Achille piè veloce" diviene "visivo": i Persiani sono mostri e in quanto tali vengono letteralemnte dipinti da Delio, uomini dal volto sfigurato, esseri metà uomo metà animale. Tutto ciò che è cattivo diviene brutto. Gli Spartani, invece, sono belli e valorosi; Leonida porta con sè il ruggito prolungato di Ercole, da cui discende.
Inoltre, nel film si trovano costantemente frasi ad effetto, che lo spettatore può ricordare a memoria e che fissano i vari momenti della battaglia. "Allora combatteremo nell'ombra", dice Stelio - "Stanotte ceneremo nell'Ade", parole di Leonida; oppure l'enfatico "Magnifico", parola isolata, lasciata da parte, commento del narratore/oratore Delio alla visione della tempesta che spazza via parte della flotta persiana. E a fare da sottofondo c'è una colonna sonora Classica/Rock/Metal che rende il tutto più vivo, ad ogni visione sempre più vivo.
Gli esempi più interessanti tuttavia sono quelli che sottolineano il passaggio temporale, ma sempre al presente. "L'alba", modo diretto e sintetico per dire che un giorno è passato e che ne è nato un altro: l'alba si forma davanti ai nostri occhi, non ci fa sentire la pesantezza dello scorrere del tempo, elimina ciò che è inutile raccontare, rendendo tutto più poetico. O ancora, frase bellissima: "il giorno si trascina"... Delio sa come tenere viva l'attenzione, senza usare frasi troppo storiche e noiose, senza dire "due giorni dopo", "il quarto giorno" e via dicendo. Quelle usate dall'oratore sono connotazioni temporali che detemporalizzano la vicenda, ma la rendono al contempo eterna. Il quadro della battaglia si forma e si disfa davanti ai nostri occhi, per poi riformarsi in modo assolutamente nuovo e comunque uguale alla visione successiva. Il racconto storico si performa, diventa finzione, diviene un modo per apprezzarlo senza mai annoiarsi: è così che la storia si diffonde per secoli, senza mai morire.

3 commenti:

Alex Wired ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Alex Wired ha detto...

E' un piacere leggere la tua analisi di uno dei film più belli di sempre. Sei grande!

Veronica ha detto...

L'analisi però non è finita! Devo dire un sacco di altre cose per dimostrare che non è un film banale come molti credono! Anzi se avete qualcosa da farmi notare, ben venga ogni contributo!!