venerdì 31 agosto 2012

Nuova grafica per Sguardi Notturni

Dopo quattro anni di blog, indubbiamente qualcosa è cambiato. La prima cosa ad esser cambiata è proprio il mio rapporto con Sguardi Notturni. Prima era uno spazio poco aggiornato e che facevo fatica ad aggiornare, per vari motivi. Poi siamo cresciuti assieme, il blog ed io, e ora non possiamo più stare lontani. Adesso sento l'esigenza di aggiornarlo continuamente, anche se non sempre la mia voglia di scrivere e le ore che ho a disposizione vanno d'accordo. Usando una citazione cinematografica, posso dire che Sguardi Notturni è la mia venticinquesima ora. Un momento di distacco dalla realtà, una realtà parallela. 
Sguardi Notturni, inizialmente, è nato come supporto al romanzo che ho pubblicato nel 2009. Poi, per fortuna, si è allontanato da questo mero ruolo di supporto ed è diventato autonomo. Sempre più cinema e sempre più voglia di confrontarmi e di capire i miei errori, per migliorarmi. 

A questi cambiamenti di tipo astratto è seguito il cambiamento grafico ed estetico. Dallo sfondo nero con l'autobus in corsa fotografato ad Atlanta, copertina del mio romanzo, si è passati a qualcosa di molto più aderente allo spirito del blog ed è ciò che potete vedere ora. 

Ringrazio Tristam Strauss per l'eccellente lavoro che ha svolto nel realizzare l'immagine dell'header qui sopra, il logo di Sguardi Notturni e l'immagine dell'albero nella sezione About. Ringrazio Tristam non solo perché i suoi lavori sono sempre di qualità elevatissima, ma anche perché, senza che gli dessi alcuna dritta, ha saputo analizzare e interpretare il blog, riuscendo a realizzare ciò che era più giusto per Sguardi Notturni. Così, l'intro di Lost Highway di David Lynch è diventata la base per l'immagine di testa. Una base variata e arricchita da una mente particolarmente creativa. Lost Highway è il film ideale per rappresentare Sguardi Notturni: la strada che si percorre e di cui non si vede la fine; la strada da cui, forse, ad un certo punto, in maniera del tutto inaspettata, può comparire qualcosa, un mistero, un segreto, un altro sé, un'altra strada in una dimensione parallela – lo squarcio dell'illusione
Quindi: grazie, Tristam Strauss. Poiché le mie parole non basterebbero ad esaurire la personalità di questo artista che stimo moltissimo, vi segnalo il sito Noein.it, in cui troverete biografia e suoi lavori. 

Ringrazio anche chi, quattro anni fa, partecipò con me alla fondazione di Sguardi Notturni, aiutandomi a capirne limiti e possibilità e dandomi preziosi consigli sul blog in particolare e in generale su tutto ciò che ho fatto. 

Il blog ora ha qualche sezione in più, che ho deciso di aggiungere per aggregare tutto ciò che mi riguarda e che si trova sparso per il web: presentazione, contatti, pubblicazioni. Di lato, anche i link ad alcuni social network. La pagina di Fb sarà una sorta di canale parallelo in cui riverserò i pensieri estemporanei che sorgeranno su film, cinema, registi, attori, arte e libri e che, per brevità e velocità, non hanno nulla a che vedere con la forma del blog. 

Non posso che lasciarvi al nuovo Sguardi Notturni e, soprattutto, al mitico David Bowie, voce fluttuante e diafana nei titoli di testa di Lost Highway.

7 commenti:

MemoriaRem ha detto...

Veronica ma non sapevo avessi scritto un romanzo!! Complimenti!!
Mi piace la nuova grafica e soprattutto capisco quando parli del tuo rapporto con il blog come una sorta di venticinquesima ora. E' uno spazio talmente nostro che sembra davvero fuori da ogni coordinata spazio-temporale!
Buon weekend!

Veronica Mondelli ha detto...

Ciao carissima, grazie mille per il tuo commento! Sono bellissime le parole che usi, il blog "fuori da ogni coordinata spazio-temporale". Non potevi usare espressione migliore. Grazie ancora per essere passata di qua, a presto!

Vele Ivy ha detto...

La nuova grafica è nettamente migliore: i post sono più leggibili, prima con quello sfondo nero si faceva più fatica!
E' bello leggere tra il legame tra te e il tuo blog... capisco cosa intendi, è quasi una dimensione alternativa in cui finalmente possiamo dare sfogo alla nostra creatività personale!

Mari da solcare ha detto...

Sarà perchè mi affeziono e sono un pò passatista: a me l'immagine/sfondo precedente, con la strada e il lampione, piaceva di più ... Ma i gusti sulla grafica sono relativi alla propria estetica personale: capisco il tuo bisogno di cambiamento, supportato da così valida collaborazione. E poi la tua scrittura sarà sempre eccellente e io sarò una tua affezionata e attenta lettrice. Buon nuovo inizio!

occhio sulle espressioni ha detto...

Ho un debole per le grafiche minimaliste, ammetto che la preferisco all'altra, che come geometrie neanche mi dispiaceva.
Interessante il modo con cui parli del tuo blog, che è un'estensione onirica ma anche un tentacolo realista che deve fare i conti con tempo e umanità.

DOC ha detto...

Sigh! La vecchia "Atlanta Night Bus" abbandonata in soffitta... Devo molto a quella immagine: ricordo che fu proprio il suo magnetismo, prima di ogni altra cosa, ad "agganciarmi" al tuo blog. Bando alla nostalgia, non sarà certo la nuova confezione ad allontanarmi dai preziosi contenuti, e dal rinnovato spirito che oggi li anima. Buon lavoro, dunque, continua così. Ciao.

Veronica Mondelli ha detto...

Amici e amiche blogger, vi ringrazio tantissimo per i commenti!

@Vele: grazie per il tuo giudizio, ci tenevo tanto a sapere cosa ne pensava una persona colorata come te!

@Maria: ... anche io sono un po' passatista e faccio una gran fatica a cambiare. Quando ho tolto la vecchia immagine e tutto quel nero, be', un pezzo di cuore ne ha risentito. Però devo anche forzarmi. Grazie per il supporto.

@occhio: il cambiamento di grafica è stato dettato anche da una maggiore esigenza di minimalismo, in effetti. Quando riesco a liberarmi e a scrivere è come sconfiggere il tempo!

@DOC: ricordo benissimo che fu quell'immagine ad attirarti qui nel mio blog. Spero di continuare a scrivere cose che ti piacciano :). Grazie sempre per il supporto!