lunedì 30 gennaio 2017

Ho imparato

UNOeDUEAnniversary

Ho imparato che pochi giorni possono trascorrere lenti, lentissimi. E che un anno può passare in un baleno e darti la sensazione di essere sempre lì, a quel giorno speciale. Sei lì, ogni istante, ad ogni sveglia che suona: e, anche se fai altro, in realtà, stai ripercorrendo quel giorno e quel giorno soltanto.

Ho imparato che anche se i giorni e le settimane si ripetono con poche variazioni, si possono vivere quei giorni e quelle settimane che si ripetono come se fossero sempre qualcosa di nuovo. 

Ho imparato che, ogni settimana, la stessa pizza ha un sapore sempre nuovo - e prepararla è l’avventura più elettrizzante, come esplorare gli abissi e lanciarsi dal picco di una montagna - e il mondo, tutto, tutto il mondo ai nostri piedi. 

Ho imparato che il divano, il sabato sera, è morbido come tutte le altre sere ed è più morbido del solito - e guardare la tv diventa un brivido al confine tra lo scoprire nuove storie, con lo sguardo vivido, e abbandonarsi all’ipnosi del sonno, cullati da un calore caldo, familiare e avvolgente allo stesso tempo. 

Ho imparato a preparare pranzi luculliani in pochi istanti. E ho imparato a mettere in ordine nello stesso momento in cui metto in disordine. O forse no. Sto ancora imparando a mettere in ordine, ma siamo sulla buona strada. 

So che ho affrontato cose che mi terrorizzano e che ancora adesso non so come sia stata in grado di affrontare. Non so se ho imparato a non avere più paura. Ma ho imparato che l'ansia e la paura svelano cosa siamo e cosa siamo in grado di fare. 

Per questo.
Ho imparato che posso fare cose che non avrei mai immaginato che io, proprio io, avrei potuto fare. 
Tipo sposarmi. E farlo davanti a un centinaio di persone

Ho imparato a pulire il terrazzo in un battibaleno.
Ho imparato ad andare a fare le analisi del sangue da sola. O quasi.
Ho imparato a piantare le margherite e ho imparato che, anche durante una gelata invernale senza precedenti, le margherite sanno far sbucare delle piccole gemme - e sono in grado di fiorire. 

Ho imparato che preparare la moka e accendere il gas basso - bassissimo - è una coccola quotidiana lenta, ma imperdibile. Ti dà il senso del tempo, ti dà il senso del tuo tempo.

Ho imparato che il mio tavolino sa di buono - e sa solo del profumo di casa mia - sia che sopra metta la cena appena preparata o il bucato profumato pronto da piegare.

Ho imparato a poter dire che ho imparato un sacco di cose, ma so che non le imparerò mai abbastanza, affinché ogni volta possa avvicinarmi alle cose con attenzione e concentrazione e con lo sguardo che vede come vedesse la prima volta. 

Ho imparato che possiamo stare lontani da casa ore - e giorni - ma l’importante è tornare ogni sera a quel piumone che arriva fin sotto gli occhi, l’importante è tornare ogni sera sotto quel piumone e concludere la giornata addormentandosi con il senso della casa e della famiglia accanto. 

Abbiamo imparato a rendere nostro il mondo e a mettere un po’ di noi nel mondo, anche se, lo so, il mondo di noi non si accorge - troppo occupato per rivolgersi a due molecole come noi. Ma a noi non interessa. Noi siamo il nostro mondo. E continuiamo a nutrirlo e coccolarlo. 

Nessun commento: